Calcolo incentivi conto termico: le pompe di calore

Calcolo incentivi conto termico: le pompe di calore

Calcolo incentivi conto termico: le pompe di calore. Cerchiamo di capire come funziona il calcolo incentivi conto termico in un villaggio turistico posto in zona climatica D, dove sono poste due pompe di calore dotate di inverter con potenza termica di 150 kWt/cad (quindi un totale di 300 kW) ed un valore di COP di 3,8.

L’operazione è svolta con lo scopo di sostituire il preesistente impianti di climatizzazione considerato non idoneo. Vediamo anzitutto quali sono i requisiti affinché l’accesso all’incentivo previsti dal conto termico si realizzi:

  • L’installazione deve risultare come parziale o integrale sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale presente nell’immobile. La sostituzione parziale è consentita solo nell’eventualità di un impianto pre-esistente dotato di più generatori di calore.
  • La messa a punto e l’equilibratura del sistema di distribuzione, regolazione e controllo.
  • Deve realizzarsi l’installazione di elementi destinati alla regolazione della portata su ogni corpo scaldante, quali valvole termostatiche a bassa inerzia termica, ad eccezione degli impianti di climatizzazione invernale progettati e realizzati con temperature medie del fluido termovettore inferiori a 45 °C e dei locali in cui è presente una centralina di termoregolazione.
  • L’installazione di sistemi di contabilizzazione individuale dell’energia termica utilizzata, nell’eventualità di impianti centralizzati a servizio di più unità immobiliari.
  • Le pome di calore elettrico devono disporre di un coefficiente di prestazione COP almeno pari ai valori disposti dalla legge. Non solo. ); la misura del COP deve essere effettuata in un laboratorio accreditato22 secondo la norma UNI EN ISO/IEC 17025 in conformità alla norma UNI EN 14511:2011, nelle condizioni di funzionamento a pieno regime per le tipologie di pompa e condizioni di scambio termico.

Nell’eventualità di pome di calore installate della tipologia aria/aria sarà possibile fruire dell’incentivo, visto che sono dotate di inverter, dato che il COP minimo da valutare è del 3,705.

Sarà necessario però controllare il rispetto dei requisiti termici dal punto di vista del bulbo secco e bulbo umido all’entrata, che incidono negativamente nei prodotti al momento in commercio.

Il calcolo incentivi conto termico avviene seguendo la seguente formula:

IAtot = Ei  Ci = 0,018 x 309.473,68 = 5.570 euro

Detratto il GSE = 5.514 euro

N.B. Trattasi di incentivo annuo, con: IAtot: incentivo annuo in euro

Itotale = 5.514 x 5 = 27.571 euro

Le pompe di calore e le modifiche impiantistiche prodotte hanno un costo di circa 84.000 euro. Avremo di conseguenza una percentuale complessiva di ritorno 27.571/70.000= 32 %