Certificazione energetica: scopri i costi per l’iscrizione agli albi regionali

Certificazione Energetica

Certificazione energetica: scopri i costi per l’iscrizione agli albi regionali. Per diventare certificatore energetico riconosciuto sono previsti dei corsi di formazione specifici, con degli esami finali. Ma una volta finiti i corsi, cosa succede? Giunti al compimento del percorso formativo i certificatori energetici possono iscriversi agli elenchi istituiti dalle regionali.

Stando ai dati tratti dall’ultimo rapporto relativo alla certificazione energetica degli edifici realizzato dal CTI con la collaborazione del Ministero dello sviluppo economico.

Le cifre riferite al costo annuo dell’iscrizione ai registri regionali, ovvero quelle riportate nel documento redatto a fine dicembre 2013 da Enrico Ninarello, mostrano un oscillazione che va da un minimo di 100 euro ad un massimo di 120 euro.

Fanno eccezione la Sicilia e la Valle d’Aosta, dove, nonostante vi sia un apposito elenco regionale dei certificatori energetici, non è richiesto nessun pagamento per l’iscrizione.

In Emilia-Romagna, dell’iscrizione all’albo dei certificatori energetici ha una durata triennale ed è previsto un contributo all’atto della registrazione di 100 euro una tantum. Inoltre non sono previsti ulteriori pagamenti per l’emissione dei singoli certificati energetici e della targa energetica.

In Friuli Venezia-Giulia  l’iscrizione all’elenco dei tecnici abilitati alla certificazione energetica degli edifici non prevede nessun pagamento, allo stesso modo non ci sono pagamenti da sostenere per l’emissione del certificato energetico. Per quanto riguarda la targa energetica, invece, il costo medio è di 30 euro.