Come funziona il conto energia termico?

Come funziona il conto energia termico?

Alla base del conto termico abbiamo un sistema di defiscalizzazione pari al 55%. Si tratta del risultato della collaborazione tra i ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente, che hanno portato alla definizione del Decreto Ministeriale del 28/12/12.

Tale decreto stanzia 900 milioni di euro.

Denari destinati a interventi di efficientamento energetico e all’installazione di impianti che sfruttano fonti rinnovabili di tipo termico.

Per rispondere all’interrogativo “come funziona il conto termico?” dobbiamo però considerare che tale impianto di finanziamento è in conto capitale, ovvero una percentuale variabile sulla scorta di alcuni parametri specifici (quali il tipo di impianto, l’entità dell’intervento e il soggetto richiedente) relativi al costo iniziale.

Negli oneri sostenuti possiamo inserire gli studi di fattibilità e di capacità energetica preliminare e di verifica a posteriori.

Il conto termico prevede l’erogazione del contributo in tempi relativamente contenuti, che vanno dai 2 ai 5 anni.

Il soggetto referente per il conto termico è il GSE, che ha messo a disposizione degli utenti alcune pagine web dettagliate.

Quanto alla defiscalizzazione del 55%, il contributo, disponibile fino al 30 giugno 2013, viene detratto dalle imposte nello spazio di 10 anni.

Chi può accedere al conto energia termico?

Sono ammessi sia i soggetti privati (inclusi i condomini e i soggetti titolari di reddito di impresa o di reddito Agrario) che le Amministrazioni Pubbliche. Le tipologie di intervento sono divise in due classi:

  • Interventi di incremento dell’efficienza energetica
  • Interventi di piccole dimensioni relativi a impianti per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza.

Il GSE appronterà infine un portale web che consentirà di eseguire l’accesso all’incentivo mediante una procedura online, che richiede la compilazione, entro 60 giorni dalla fine dei lavori, di una scheda-domanda nella quale vengono fornite tutte le informazioni necessarie a verificare l’erogabilità e la misura del contributo.